Coperture edili e tetti

Civer Coperture

Archive for the ‘REQUISITI PER TETTI’ Category

Tetti in coppo —

Realizzazione di tetti in coppo Se i coppi di canale sono dotati di dentelli di arresto sporgenti all’intradosso, l’orditura dei supporti è del tutto simile a quella descritta per le tegole. La distanza fra i listelli deve garantire la necessaria sovrapposizione dei coppi e, al contempo, il raggiungimento della linea di colmo della copertura con una fila di coppi di canale interi. Se i coppi di canale sono […]

Elementi accessori per la realizzazione di un tetto —

Gli elementi accessori sono utilizzati in corrispondenza di soluzioni di continuità del manto. Per evitare problemi di integrabilità (colore, dimensioni, morfologia, sistema di ancoraggio…) è opportuno utilizzare elementi accessori prodotti dalla stessa azienda fornitrice degli elementi standard.     Elemento per sfiato Consente la fuoriuscita in copertura di elementi terminali di sfiati. L’utilizzo di sfiati […]

Conoscere i tetti e i manti di copertura —

COPPI E TEGOLE Gli elementi in laterizio per coperture si ascrivono a due specifiche tipologie: i coppi e le tegole. Per ciascuna tipologia sono poi disponibili elementi speciali, elementi accessori ed elementi innovativi per migliorare l’aspetto e l’affidabilità del tetto e per facilitare la posa in opera. I coppi, prodotti con la tecnica dell’estrusione o […]

REQUISITI PER LA REALIZZAZIONE DI UN BUON TETTO – Civer Coperture —

Raccolta e allontanamento dell’acqua Il più diffuso sistema di raccolta e smaltimento dell’acqua piovana è basato sul binomio canale di gronda-pluviale. Raggiunta per gravità la gronda, l’acqua, grazie ad un’inclinazione del canale compresa tra 0.3-0.5 %, è diretta ai pluviali. Normalmente si prevedono sezioni di gronde e pluviali di 0.8-1.0 cm2 per m2 della proiezione, […]

REQUISITI PER LA REALIZZAZIONE DI UN TETTO – Civer Coperture —

Tenuta all’acqua   In alcune specifiche condizioni ambientali o in presenza di attrezzature che necessitano di periodiche manutenzioni, è prudente prevedere al di sotto del manto uno strato di tenuta all’acqua complementare di tipo continuo (ad esempio, membrane bituminose o sintetiche). Lo strato di tenuta all’acqua continuo è da considerarsi indispensabile: nella parte bassa della […]